Che cosa è l’EcoCounseling?

Oggi più che mai le persone vogliono e devono imparare ad attingere alle immense risorse personali ancora sconosciute e inutilizzate. I momenti di difficoltà, i cambiamenti improvvisi, l’incertezza del futuro, possono essere visti come un’opportunità per uscire da schemi abitudinari e dalla zona di confort e imparare ad ampliare le idea che si ha di se stessi e della vita, verso definizioni più ampie in grado di includere talenti, aspirazioni e valori nella propria vita quotidiana e di riconoscere le potenzialità di azione e di intervento trasformativo sulla realtà che sempre abbiamo a  disposizione.

L’Ecocounseling accompagna il percorso di evoluzione personale col preciso intento di rendere la persona consapevole del suo prezioso e unico contributo personale da dare alla realtà circostante, accompagnando le persone a trovare, ognuna, il proprio modo di attivarsi nella collettività umana e nella collettività terreste.

L’Ecocounseling nasce dall’incontro e collaborazione tra il Counseling e l’Ecopsicologia, uno promuove la riconnessione con la propria interiorità più autentica e l’altro col mondo di cui siamo tutti parte. La natura diventa punto di partenza e punto di arrivo in questo processo di ampliamento della, spesso, limitata e standardizzata idea che si ha di sé per riconoscerci parte del processo della vita in evoluzione.

Nella natura diventa più facile contattare le parti più profonde si sé, si ampliano potenzialità percettive esterne ed interne, si riconoscono le leggi dell’interdipendenza che regolano tutti i processi del vivente, si ritrova la sensibilità nei confronti della bellezza, si allena l’empatia e la valorizzazione della diversità.

La visione ecocentrica dell’Ecopsicologia ha bisogno di una pratica che indirizzi le persone verso una maggior consapevolezza dell’interazione interdipendenza col processo stesso della vita e che le accompagni verso una visione esistenziale più ampia, capace di riconoscere e includere una serie via via più ampia di ecosistemi nel proprio campo di identità, coinvolgimento e azione.

L’Ecocounseling si configura come questa pratica, che riconosce come gran parte del malessere esistenziale diffuso è originato proprio da una mancanza di radici e di visione, da una perdita di connessione con le proprie origini – familiari, umane terrestri e spirituali – e, di conseguenza, un’incapacità di progettazione e proiezione verso un futuro attraente e stimolante.

 

Marcella Danon
Ecopsiché – Scuola di Ecopsicologia